Blog

Home > Infrastrutture

Infrastrutture

A cura di:

Maggio 3, 2021

Di cosa parliamo in questo articolo

Sindacati delle costruzioni:
“Le risorse del PNRR siano impiegate per il lavoro di qualità nei cantieri”.

 

“Il PNRR rappresenta una grande occasione per il Paese. Se pensiamo a quanto previsto dalle missioni 2 e 3 su rigenerazione, transizione energetica e infrastrutture, esso può consentire di recuperare i divari tra Nord e Sud del Paese, ridurre le emissioni di Co2, mettere in sicurezza città e territori e aumentare la competitività e produttività del sistema a vantaggio di cittadini e lavoratori. Il sindacato delle costruzioni da tempo rivendica interventi concreti e certezza delle risorse, avanzando proposte anche su come semplificare passaggi burocratici e autorizzativi. Il ‘cosa fare’, però, è importante quanto il ‘come fare’.” Lo dichiarano le segreterie nazionali di FenealUil, Filca Cisl e Fillea Cgil alla vigilia del prossimo Consiglio dei Ministri, che dovrebbe varare ulteriori norme di semplificazione in materia di opere pubbliche. “Su questo – spiegano i sindacati – vogliamo essere chiari: rispetto ai decreti e alle riforme annunciate anche nello stesso PNRR e su cui fino ad oggi è mancato un confronto approfondito e di merito con le forze sociali, non sarà indifferente se le opere saranno realizzate ricorrendo ad assegnazioni dirette o con gare pubbliche, ricorrendo al minor prezzo e al massimo ribasso o valorizzando invece progettazione, qualità tecnica e sostenibilità dei materiali. Non sarà indifferente – proseguono – se vi sarà l’applicazione del contratto edile o assisteremo ancora a fenomeni di dumping contrattuale, se gli appalti saranno l’occasione per favorire la crescita dimensionale delle imprese o un’ulteriore frammentazione del mercato con catene infinite di subappalti, se vi sarà cioè creazione di lavoro buono, di qualità e sicuro o ulteriore precarietà e mancanza di tutele. Insomma, una cosa è ridurre i tempi per le Valutazioni di Impatto Ambientale o per la Conferenza dei Servizi, un’altra è ridurre tutele in un settore che in Italia, rispetto alla media UE, è caratterizzato da imprese di piccolissime dimensioni e sotto capitalizzate, con sacche di lavoro nero e concorrenza sleale, con uno dei tassi di infortuni in cantiere tra i più alti, con presenza diffusa e radicata della criminalità organizzata. Per queste ragioni – concludono i sindacati delle costruzioni Feneal Filca Fillea – il Governo e il Parlamento devono sapere sin da ora come abbiamo dimostrato con gli accordi dell’11 dicembre, del 22 gennaio e del 16 aprile scorso, siamo pronti a dare il nostro contributo, ma siamo anche pronti alla mobilitazione per difendere diritti, tutele, trasparenza e legalità, perché i cantieri non diventino ancora di più una giungla”.

A cura di:

Leggi ora il nuovo numero della rivista periodica della FENEALUIL
Leggi ora il nuovo numero della rivista periodica della FENEALUIL
Banner Fondo Arco
Banner Fondo Prevedi
Banner Fondo Concreto

Articoli correlati

Intervista Panzarella

FenealUil, Panzarella: con l’ultimo accordo saranno salvaguardati i cantieri del Recovery Plan DI EMANUELE GHIANI – IL DIARIO DEL LAVORO Febbraio19/ 2021 Il diario del lavoro ha intervistato il segretario generale della FenealUil, Vito Panzarella, sugli accordi...

leggi tutto