Blog

Home > Chi è e cosa fa un RLS in azienda?

Chi è e cosa fa un RLS in azienda?

A cura di Chiara Maffè

Novembre 22, 2021

Chi è e cosa fa un RLS in azienda

La sicurezza sul lavoro è un tema centrale in ogni realtà aziendale, in particolare in un settore come quello delle Costruzioni, i cui lavoratori sono esposti a rischi concreti, come ad esempio il rischio chimico a cui abbiamo dedicato un precedente articolo.

Per questo motivo, assume un ruolo particolarmente importante il cosiddetto Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, in breve RLS, una figura definita per Legge dal Decreto Legislativo 81 del 2008.

Ma chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza in azienda e di cosa si occupa? Scopriamolo insieme.

Chi è l’RLS

Come suggerisce il nome, il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è un lavoratore, eletto dai suo colleghi, tenuto a svolgere tre compiti fondamentali:

  • rappresentare i colleghi lavoratori al fine di tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • fare proposte in termini di prevenzione;
  • promuovere la cultura della sicurezza all’interno del luogo di lavoro.

Ogni azienda deve nominare o designare un rappresentante, eletto dai lavoratori, ma la legge prevede varie tipologie di RLS:

  • RLS Aziendale: nelle aziende con più di 15 dipendenti, deve essere eletto o designato nell’ambito delle Rappresentanze Sindacali in azienda;
  • RLS Territoriale o RLST: questa figura rappresenta i lavoratori in tutte le Aziende o unità produttive del territorio, o del comparto di competenza, nelle quali non sia eletto o designato il RLS, indipendentemente dalle dimensioni dell’azienda;
  • RLS di Sito Produttivo o RLSSP: si tratta di una figura che opera in specifici contesti produttivi, caratterizzati dalla compresenza di più Aziende o cantieri, e realizza il coordinamento tra RLS del medesimo sito.

In questo video elaborato da Progetto Arles viene fornita una panoramica rapida sul ruolo di RLS e RLST nei cantieri.

Quanti RLS devono essere eletti in azienda?

Il numero di Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza eletti in azienda varia a seconda delle dimensioni della stessa.

I parametri sono fissati nel Testo Unico:

  • 1 rappresentante nelle aziende fino a 200 lavoratori;
  • 3 rappresentanti nelle aziende da 201 a 1.000 lavoratori;
  • 6 rappresentanti in tutte le altre aziende o unità produttive oltre i 1.000 lavoratori.

Cosa fa un RLS in azienda?

I compiti di un Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza sono molteplici, ma tutti rimandano alle due funzioni fondamentali indicate prima, ovvero rappresentare i colleghi lavoratori e favorire la prevenzione sul luogo di lavoro.

Ma, nello specifico, cosa fa un RLS in azienda?

  • accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni;
  • viene consultato sulla valutazione dei rischi, l’individuazione, la programmazione, la realizzazione e la verifica della prevenzione nell’azienda o unità produttiva;
  • viene consultato sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, all’attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, all’evacuazione dei luoghi di lavoro e del medico competente;
  • viene consultato in merito all’organizzazione della formazione;
  • riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente alla valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti alle sostanze e alle miscele pericolose, alle macchine, agli impianti, all'organizzazione e agli ambienti di lavoro, agli infortuni e alle malattie professionali;
  • riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza;
  • riceve una formazione adeguata;
  • promuove l’elaborazione, l’individuazione e l’attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l’integrità fisica dei lavoratori;
  • formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti;
  • partecipa alla riunione periodica;
  • fa proposte in merito alla attività di prevenzione;
  • avverte il responsabile dell’azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività;
  • può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro o dai dirigenti, e i mezzi impiegati per attuarle, non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro.

Insomma, un RLS è una figura essenziale nelle aziende, in particolare in quelle del settore delle Costruzioni, e deve essere un punto di riferimento per tutti i lavoratori, in quanto ne tutela la salute e la sicurezza.

A cura di Chiara Maffè

A cura di Chiara Maffè

FENEALUIL Nazionale

Articoli correlati

Intervista Panzarella

FenealUil, Panzarella: con l’ultimo accordo saranno salvaguardati i cantieri del Recovery Plan DI EMANUELE GHIANI – IL DIARIO DEL LAVORO Febbraio19/ 2021 Il diario del lavoro ha intervistato il segretario generale della FenealUil, Vito Panzarella, sugli accordi...

leggi tutto