Blog

Home > Cos’è e chi deve iscriversi alla Cassa Edile/EdilCassa

Cos’è e chi deve iscriversi alla Cassa Edile/EdilCassa

A cura di FENEALUIL

Marzo 8, 2021

Cos'è e chi deve iscriversi alla Cassa Edile o EdilCassa

Il settore edilizio è caratterizzato dalla presenza di un Ente a esso dedicato, la Cassa Edile/EdilCassa, che svolge funzioni molto importanti in favore dei lavoratori. 

La Cassa Edile/EdilCassa è un ente bilaterale paritetico, costituito quindi da organizzazioni sindacali e datoriali. 

Come accennato, esistono Casse Edili/EdilCasse in ciascun territorio, sulla base della previsione contenuta nei contratti collettivi nazionali e territoriali di lavoro per le maestranze delle imprese edili, sottoscritti da: 

  • organizzazioni sindacali dei lavoratori FENEALUIL, FILCA CISL, FILLEA CGIL.
  • organizzazioni dei datori di lavoro dell’industria ANCE;
  • associazioni delle cooperative italiane di produzione e lavoro – ACI PL
  • organizzazioni dell’artigianato ANAEPA;
  • Confartigianato;
  • CNA Costruzioni
  • CLAAI
  • CASARTIGIANI;
  • associazione della piccola e media impresa CONFAPI ANIEM.

Il ruolo di controllo e coordinamento delle varie Casse presenti sul territorio è demandato alla Commissione Nazionale paritetica per le Casse Edili/EdilCasse (CNCE).

Ma quando nasce la prima Casse Edile/EdilCassa, a cosa serve, chi deve iscriversi, quali prestazioni fornisce, come funziona?

Approfondiamo insieme. 

Quando nasce la prima Cassa Edile/EdilCassa

La prima Cassa Edile nasce a Milano nell’immediato primo dopoguerra, precisamente nel 1919, in seguito a un accordo fra il Collegio dei Capomastri e l’Associazione mutua di miglioramento tra i muratori, manovali e garzoni. 

L’obiettivo era disporre di uno strumento di mutualità e assistenza per gli operai edili, reso necessario dalle peculiarità del Settore delle Costruzioni rispetto ad altri lavori: 

  • discontinuità dell’attività produttiva;
  • durata temporanea dei cantieri;
  • influenza dei fattori meteorologici;
  • elevata mobilità tra impresa e impresa;
  • dimensioni generalmente piccole delle imprese. Alle Casse sono iscritti circa 500 mila operai, mentre le imprese sono circa 100 mila. 

Purtroppo, durante il ventennio fascista l’attività delle Casse fu molto ridimensionata, per poi tornare nel secondo dopoguerra, nell’Italia Repubblicana, affiancando e supportando i lavoratori del Settore con assistenza mutualistica, ma anche finanziando colonie estive per le famiglie degli operai, favorendo l’integrazione sociale tramite la Casa del Muratore, o ancora sostenendo i costi per la costruzione di immobili destinati a essi.

Da allora, la Cassa Edile/EdilCassa si è molto evoluta, ricoprendo un ruolo centrale nel settore edilizio, svolgendo anche funzioni pubbliche, nonostante si tratti di enti di natura privata, finanziati interamente da imprese e lavoratori. 

A cosa serve la Cassa Edile/EdilCassa

Le Casse erogano ai lavoratori una parte importante del trattamento retributivo dovuto dalle imprese: si tratta in particolare del trattamento economico per ferie e gratifica natalizia che le imprese, in relazione alla mobilità dei lavoratori, accantonano presso la Cassa Edile/EdilCassa la quale provvede al versamento agli interessati nelle scadenze previste.

Le Casse Edili/Edilcasse erogano, inoltre, altre significative prestazioni quali, ad esempio, il premio annuo per l’anzianità professionale edile (APE); l’integrazione al trattamento economico nei casi di malattia e infortunio (attraverso le imprese); gli assegni e le borse di studio; i soggiorni estivi per i figli dei lavoratori, eccetera.

Quindi, il ruolo della Cassa Edile/EdilCassa consiste nell’assicurare ai lavoratori una parte importante del trattamento economico derivante dal contratto di lavoro, oltre a prestazioni integrative sul piano previdenziale e assistenziale. 

Cosa vuol dire tutto questo? 

Semplificando, che l’iscrizione alla Cassa è condizione affinché sia realizzata da parte dell’impresa l’osservanza della contrattazione collettiva nazionale di settore. 

Insomma, senza Cassa Edile/EdilCassa non si può parlare di rispetto del contratto, in quanto lo status giuridico del lavoratore edile viene pienamente soddisfatto solo attraverso l’osservanza delle normative sulla Cassa. 

Inoltre, essendo presenti sul territorio, e avendo un rapporto diretto con operai e imprese, possono svolgere un importante ruolo di termometro del settore.  

Il ruolo del FNAPE

Successivamente all’accordo delle parti sociali del 21 Dicembre 2015, la CNCE ha attivato il FNAPE – Fondo Nazionale per la Prestazione APE (Anzianità Professionale Edile), gestito dalle parti sociali dell’edilizia e affidato alla CNCE, cui spetta predisporre e gestire le procedure operative per la corretta erogazione della prestazione ai lavoratori.

Ad oggi aderiscono a FNAPE 106 Casse Edili/EdilCasse.

Le Associazioni Nazionali hanno voluto così creare un nuovo sistema di gestione nazionale, basato su principi solidaristici, che punta a garantire, a tutti i lavoratori iscritti in Cassa Edile/EdilCassa, il diritto alla prestazione APE stabilito dai contratti nazionali di lavoro, mantenendo sotto controllo i costi per le imprese.

Contributi Cassa Edile/EdilCassa

I contributi servono a garantire la copertura di prestazioni e servizi quali: 

  • l’assistenza sociale non sanitaria; 
  • l’assistenza sanitaria: per il Fondo Sanedil, ad esempio, è pari allo 0,60% della retribuzione; 
  • Scuole edili e Cpt;
  • il fondo prepensionamenti;
  • il fondo incentivo occupazione (0,10%). 

Questi contributi sono a carico dell’azienda e ammontano a poco meno del 10%.

Le nuove funzioni, la gestione e i servizi delle Casse Edili/EdilCasse

L’iscrizione alla Cassa Edile/EdilCassa è condizione affinché sia realizzata da parte dell’impresa l’osservanza della contrattazione collettiva di settore.

La trasparenza nella gestione amministrativa delle risorse viene garantita oltreché dal funzionamento degli organi interni (Presidenza, Comitato di Gestione, Consiglio Generale, Collegio dei Sindaci) anche dal fatto che le Casse Edili/EdilCasse sono costituite sulla base di uno statuto tipo deciso dalle parti sociali e che operano su uno schema unitario di bilancio e di piano dei conti. 

Per un accordo nazionale, il bilancio, pur non avendo le Casse alcun obbligo di legge a riguardo, viene anche certificato da Società di revisione.

L’iscrizione alla Cassa Edile/EdilCassa comporta automaticamente l’iscrizione anche agli Enti scuola edile/CPT (comitati paritetici territoriali per la sicurezza, la salute e l’igiene sul lavoro), enti bilaterali che si occupano, su mandato delle parti sociali, delle tematiche della formazione professionale dei lavoratori e della sicurezza sul lavoro.

Il ruolo di certificazione di regolarità contributiva delle imprese (DURC)

Il sistema delle Casse Edili/EdilCasse, oltre a fornire ai lavoratori le prestazioni previste dal CCNL, svolge una funzione pubblica, certificando la regolarità contributiva delle imprese edili e rilasciando, insieme a INPS e INAIL, il Documento Unico di Regolarità Contributiva – DURC

Si tratta di uno dei principali strumenti per combattere il lavoro nero e irregolare, tanto negli appalti pubblici che nell’edilizia privata, trasformato in “Durc On Line” a partire dal 1° luglio 2015.

Senza un DURC regolare, l’impresa non può partecipare a gare per lavori pubblici, riscuotere i pagamenti per i lavori eseguiti, eseguire lavori privati, ricevere finanziamenti o benefici da parte di pubbliche amministrazioni.

A cura di FENEALUIL

A cura di FENEALUIL

Articoli correlati

Intervista Panzarella

FenealUil, Panzarella: con l’ultimo accordo saranno salvaguardati i cantieri del Recovery Plan DI EMANUELE GHIANI – IL DIARIO DEL LAVORO Febbraio19/ 2021 Il diario del lavoro ha intervistato il segretario generale della FenealUil, Vito Panzarella, sugli accordi...

leggi tutto